Come Evitare gli Errori dei Blogger Principianti

Per quanto possa essere accattivante l’idea di aprire un Blog, devi sapere che c’è molto di più di quello che vedi sfogliando le tue pagine web preferite con gli occhi di un principiante. Tutti quegli articoli così armoniosi e facili da leggere scritti dai tuoi blogger preferiti non appaiono casualmente o senza un bel po’ di fatica e un grosso lavoro di revisione!

Aprire un Blog può essere divertente ed è un esperienza ideale per capire se sei un buon scrittore, un intenditore che ha molto da condividere su un argomento o su un hobby, o vuoi semplicemente incoraggiare le persone a vedere le cose come le vedi tu! Questo articolo si concentra sui modi per aiutarti ad evitare gli errori più comuni che i blogger principianti solitamente compiono. Anche se ti potrebbe comunque capitare di sbagliare, almeno sarai più consapevole dei tuoi errori e saprai come correggerli in futuro.


Sii originale. Quello che davvero conta più di ogni altra cosa è che il tuo Blog rappresenti te e che sia unico! Anche se devi ancora armonizzare il testo per capire quello che le persone vogliono leggere, ciò che scrivi deve essere frutto delle tue tecniche e del tuo stile. Dimentica ciò che hai sentito sul fatto che va bene prendere un pugno di notizie e buttarle direttamente sul tuo blog. Nessuno vuole leggere qualcosa che ha già visto da qualche altra parte. Invece prendi le notizie e commentale dal tuo punto di vista, esprimi la tua opinione, fornendo una conclusione sulle conseguenze o le implicazioni etiche della notizia. 
 
 Non copiare. La prima implicazione dell’essere originali sta nel non copiare. Non pensare che nessuno possa riconoscere il materiale preso in prestito, lo riconosceranno di certo. Considera questa azione da un altro punto di vista, ti piacerebbe che qualcuno prendesse in prestito il frutto dei tuoi sforzi? Secondo la Netiquette (il galateo del Web) e secondo la legge è necessario informare i tuoi lettori da dove hai preso le tue informazioni. I lettori di blog sono sia intuitivi che navigati. Noterebbero un pezzo copiato da un chilometro di distanza e non lo apprezzerebbero. Anche se può tentare l’idea di appropriarsi delle parole degli altri, cerca di resistere e persisti nella creazione di contenuto originale. Inizia con poco e aumenta gradualmente il ritmo. Diventerà più semplice, nel tempo.
  • Essere originale aumenta la fiducia dei lettori verso di te. I tuoi lettori aumenteranno presto per conoscere, apprezzare e amare il modo in cui scrivi.
  • Cita le fonti. Non solo è moralmente corretto, ma può anche servire a non avere problemi di diritto d’autore. Se vuoi copiare delle frasi, usa delle virgolette o un corsivo con un riferimento chiaro al luogo un cui sono state prese. Un altro dei benefici del citare è che permette ai tuoi lettori di visitare le tue fonti per imparare cose nuove, cosa che molti dei lettori di blog amano e si aspettano.

Comprendi i problemi legali legati al blogging. Anche se non sei un avvocato o un giornalista, è importante che tu comprenda quanto può essere semplice cadere in un campo minato legale con semplici errori. Le cose più importanti e basilari da apprendere riguardano il diritto d’autore, i marchi registrati, la diffamazione e i comportamenti illegali.
  • Un altro problema comune si basa sulla certezza delle fonti senza ricorrere ad altre fonti. Se non sei sicuro di quello che trovi, continua a cercare fin quando non hai trovato un buon numero di fonti che sostengono la tua tesi.
 Fai delle ricerche sul blogging. Se sei serio sul voler intraprendere questa avventura, ti conviene imparare dai blogger che sono già navigati e sanno cosa funziona e cosa no. Se il tuo target non si basa esclusivamente sui tuoi parenti e sui tuoi amici, molto indulgenti, sapere come si comportano gli altri blogger è vitale. Leggi le esperienze dei blogger migliori e i loro consigli per i principianti. Alcuni blogger che puoi consultare includono: BlogItalia, ManteBlog, Il cavoletto di Bruxelles, Macchianera, Quinta Weblog, Italia SW, Blog Notes, Webgol, Spinoza, ilBloggatore, il blog di Chiarelettere, Gblog, Wordpress Italy, Blogghissimo.it, Attivissimo, ecc. Ci sono molti altri blogger sul web, ma questi sono un ottimo punto di partenza per te!

Fai una ricerca su “migliori post di Blog”, o “migliori Blog su macchine/cani/bambini/sci”, “Migliori uomo/donna blogger”. Ci sarà sicuramente qualcuno che blogga già su un argomento che ti interessa. Puoi cercare anche “migliori mamme blogger”, “migliori papà blogger”, “migliori blogger celebrità”, “migliori blogger fattoria”, ecc. Per capire cosa piace ai lettori e chi sono i migliori blogger in ciascun ambito.
Puoi anche imparare dai blog di informazione. I blog di informazione come l’Huffington Post prendono le notizie e forniscono la propria opinione sui fatti. Dovrai cercare di capire qual è il background politico di ogni blog. A volte i blog migliori sono quelli neutrali o quelli che cercano di esprimere il proprio parere da due punti di vista diversi. Datti un’occhiata in giro prima di decidete come ti approccerai verso il tuo blog.

Alcuni blogger sono più disponibili nel condividere il modo in cui gestiscono il blog, rispetto ad altri. Consulta i blogger che perdono un po’ di tempo a dare consigli sul blogging. Se possibile, consulta dei blog che ti diano dei consigli senza cercare di darti tutte le risposte (capita anche nei migliori blog, preparati a collezionare i consigli più succulenti). Anche se non viene offerto nessun consiglio, puoi sempre imparare lo stile di scrittura dei blog più famosi per riuscire a capire cosa piace davvero ai lettori.

 Esamina il tuo stile di scrittura. Se sei abituato a scrivere in maniera accademica, tecnica o formale, la scrittura dei blog può scioccarti un pochino. Lo stile di scrittura di un blog è più informale, come fosse una conversazione con una spruzzata di opinioni personali (a volte stravaganti!), e soprattutto ha bisogno di essere “interessante”. Lo stile di scrittura migliore per te probabilmente deriverà dall’argomento di cui tratti e verrà condizionato dai lettori. È ovvio che un blog con una natura più tecnica avrà un linguaggio più specifico, ma anche in quel caso i tuoi lettori pretenderanno un linguaggio più fluido e comprensibile per descrivere l’ultimo oggetto tecnologico disponibile sul mercato. Evita di fare la predica ai tuoi lettori. Su molti blog, i lettori cercano qualcuno con cui potersi sentire di pari livello, non qualcuno che gli faccia la predica o che li rimproveri, o peggio qualcuno che si senta superiore a loro. Trattali da tuoi pari. Cerca di essere umile, e di condividere le fisime che capitano a tutti nella quotidianità. Per un buon blogger il senso di umiltà e quello dell’umorismo sono sempre importanti.

  • I blog sulla politica possono trasformarsi facilmente in un cumulo di invettive rabbiose o intolleranti se non ci metti la testa, oltre al cuore. Cerca di mantenere un tono serio su questo tipo di blog senza usare soprannomi o fare commenti di disapprovazione.
  • Fai attenzione a usare le parolacce. Se il tuo blog può tollerare delle imprecazioni e ogni tanto scappa qualche “vaffa”, che però funziona bene nel contesto, procedi tranquillamente. Un blog che è invece ripieno di commenti volgari e il cui unico contenuto è rappresentato dalle parolacce potrebbe scoraggiare i lettori. Sfogarsi è un conto, essere volgare un altro. Imprecare da un giorno all’altro senza averlo mai fatto potrebbe farti perdere dei lettori.

Scegli accuratamente la struttura del tuo blog. Fai una ricerca approfondita e cerca di capire cos’è meglio per il tuo blog. Impara da chi ci è già passato. Ecco alcune cose da cui dovresti cominciare:
  • Genere: Di solito rimanere su un solo genere per blog ripaga, soprattutto se lo gestisci da solo. Per esempio, a meno che tu non sia uno scrittore abilissimo, i lettori sono poco ispirati nel leggere un blog che combini opinioni politiche, ricette esistenzialista, recensioni cinematografiche e come vestire i propri bambini. Eccezion fatta per quei blog che elargiscono istruzioni su come muoversi nella blogosfera, composto da un team di scrittori specializzati in ogni campo. Se vuoi espanderti su più campi hai due possibilità: o apri diversi blog e ti passi il tempo a gestirli tutti, o dedichi un blog a te stesso e i tuoi interessi e ne apri un altro più serio su un singolo argomento, cercando di rendere popolare l’altro.
  • Lunghezza dei post.: Non esiste una regola precisa, perché questo parametro dipende dal contenuto, dal messaggio e dai lettori del blog. Certo si parla spesso dell’importanza di essere brevi, ma è anche vero che è importante trattare gli argomenti in maniera completa. Cerca di tenere a mente che molti lettori di articoli online hanno una curva dell’attenzione molto breve, cerca di capire autonomamente se la lunghezza dei tuoi post è corretta dai commenti degli utenti, dall’utilità delle tue informazioni e dall’argomento trattato. Considera anche l’idea di alternare post di lunghezze diverse per fare rilassare il lettore con un articolo breve, dopo uno più “erudito”.
  • Struttura interna: Le categorie sono utili. Le sottocategorie servono a suddividere ottimamente degli argomenti molto grossi e le immagini possono servire a far riposare gli occhi dei lettori. Le citazioni funzionano, e lasciare abbastanza spazio aiuta il lettore a sentirsi rilassato, non pressato. Cerca di usare paragrafi brevi, non importa quanto sia lungo il post. Usa il grassetto per evidenziare i punti salienti e per catturare l’attenzione del lettore (il grassetto serve anche per l’indicizzazione sui motori di ricerca, ma questa è un’altra storia).
  • Frequenza: Se scrivi pochi post la gente penserà che hai lasciato perdere, e presto lo farà anche lei. Se scrivi troppi post sfinirai i lettori. Ricorda che i tuoi lettori hanno anche altre cose da fare. L’esaurimento dei lettori e degli scrittori è comunque quando si postano troppi articoli, pensa accuratamente alle priorità dei tuoi post. Ricorda che ci sono delle cose che possono migliorare la tua indicizzazione sui motori di ricerca, come scrivere post a cadenza regolare.
  • Correzioni: Controlla sempre la tua grammatica e il modo in cui sono scritte le parole. Non sottovalutare mai l’importanza di questi due fattori. Il tuo grado di esperienza nel blogging non migliorerò mai se il modo in cui scrivi le parole fa ridere.

Sii creativo. Anche se sei uno scrittore brillante, le parole da sole non bastano a fare un blog. La maggior parte dei lettori si aspetta che un blog abbia un aspetto notevole e che sia accompagnato almeno da una foto o da un’immagine. Le immagini aggiungono un po’ di colore e catturano l’attenzione della gente. Come con ogni altra cosa, non serve esagerare. Cerca di bilanciare bene testo e immagini.
  • Usa un po’ di senso comune per renderti conto che quando è troppo e troppo. Se tratti di fotografia, ricette o istruzioni per l’uso, potresti poter usare più immagini rispetto a normali post sulla politica.

Pensa accuratamente ai titoli dei tuoi post. Le informazioni contenute nei tuoi post possono essere importantissime, ma non verranno lette se hanno un titolo noioso. Usa dei titoli che possano catturare l’attenzione del lettore e che possano essere indicizzati dai motori di ricerca. L’indicizzazione è in sé un’arte di cui potrai scoprire tutti i segreti più avanti. Per adesso alcuni consigli su come scegliere il testo includono: L’utilizzo di parole che vengono utilizzate nell’ambito del marketing per catturare l’attenzione. Ci sono parecchi liste di parole su internet usate dalle aziende per ottenere l’attenzione dei lettori (cercane qualcuna). Usare la parola “tu” in un titolo può sembrare banale, ma secondo alcune ricerche di marketing, l’uso strategico di parole come questa possono aumentare l’accesso al tuo blog tramite link e la lettura dei tuoi post.
  • Porre delle domande nel titolo o scrivere delle informazioni interessanti che possono invogliare l’utente a leggere il resto dell’articolo. Rendi i titoli allettanti per punzecchiare il lettore e spingerlo a voler continuare la lettura. Se il tuo titolo parla delle esigenze del lettore, lui lo amerà.
  • Cerca di mantenere un titolo semplice. Più è semplice, meglio è. Non superare i 40 caratteri e anche i motori di ricerca ameranno il tuo blog!
  
Incoraggia i lettori a commentare. Le persone possono anche leggere le tue perle di saggezza ma non ti diranno mai cosa pensano se non sono spinti a farlo. Se inviti gli utenti a lasciare dei commenti, ne avrai molti di più. Non precludere la possibilità di lasciare commenti. È importante non avere paura dei commenti. Sono la forza vitale del tuo blog e ti permettono di sapere cosa ne pensano i tuoi lettori, sia in positivo ce in negativo. Se il tuo blog va bene avrai pareri contrastanti, ed è una cosa perfetta!

Rendi il sistema dei commenti semplice. Ai lettori non piace fare salti mortali. Cerca di trovare un equilibrio facendoli iscrivere e usando un CAPTCHA prima che loro stessi ti dicano che questi sistemi non gli interessano per nulla. Meno ostacoli ci sono, meglio è, soprattutto quando si tratta di informazioni personali.

  • Concludi i tuoi post incoraggiando gli utenti a scrivere commenti facendo domande o chiedendo suggerimenti e di raccontare le proprie esperienze.
  • Non mancare di rispondere ai tuoi commentatori. Non solo perché è educato, ma perché fa capire che ti importa e che vuoi interagire con loro. Loro ti osservano! Eccezion fatta per spammer e flamer, in quel caso puoi rimuovere i commenti (spam) o ignorarli (flame), a meno che non hai delle risposte argute da fornire.
  • Rimuovi lo spam il prima possibile. Non è professionale. Cerca di investire nella rimozione dello spam, sono decine i programmi disponibili. Trova un filtro antispam che non elimini i commenti degli utenti regolari.
Condividi con tutti i tuoi nuovi post e il tuo blog. Usa i social network più famosi per massimizzare le visite. Ci sono molte piattaforme che puoi utilizzare. Usane una, o tutte se vuoi. Twitter, Facebook, Digg, Tumblr e chi più ne ha, più ne metta. Prenditi un po’ di tempo per visitare i blog degli altri blogger e lascia dei commenti col tuo nome e dei link. Fatti conoscere come uno che si interessa di ciò che dicono e creano gli altri blogger, e loro ricambieranno il favore.
  • Questo articolo evidenzia il comportamento di un buon blogger. È un ottimo punto di partenza per comprendere che non si finisce mai di imparare. Ci saranno altri ostacoli che affronterai man mano che aumentano i lettori e la fama.
  • Pensa a come entrare in contatto con il tuo blog e supporta le tue altre attività online, così come quelle offline. Cerca di pianificare tutto in anticipo in modo da poter realizzare la maggio parte dei collegamenti. Se è necessario aggiorna lo scopo del tuo blog e valuta la possibilità di farti aiutare nella routine della gestione.
  • Tagga gli articoli. Impara ad utilizzare i tag. I tag fanno una differenza abissale per i tuoi lettori.
Realizzare post di alta qualità e con informazioni accurate può richiedere molto tempo. Se vuoi iniziare a scrivere su un blog per procurarti da vivere, ricorda che non è semplice fare soldi e che può richiedere del tempo.